Make your own free website on Tripod.com
 

 GITE IN TRENTINO NELL'ANNO  2004   ALLA SCOPERTA DI LUOGHI TRADIZIONI E SPECIALITA' LOCALI

 

  IL GOTICO NELLE ALPI      DUOMO DI TRENTO      CARTOLINE ANTICHE

INDEX  2005 2004 INDEX  2  2004 INDEX  3  INDEX  2003 INDEX 2002

 

LA CASOLARA

Il giorno 2 aprile 2004. Un´antica tradizione che per la sesta volta rivive in piazza Fiera a Trento (oggi le bancarelle ). La Casolara, fiera dei formaggi delle Alpi, è anche questo: un ritorno al passato, prime tracce storiche della Domenica Casolariae risalgono già al XII secolo, e ripercorrere un cammino di devozione che nel periodo quaresimale intimava al buon cristiano di astenersi dal mangiare carne e bere brodo.

LA LOLA

Perchè è apprezzata: La Grigio Alpina svolge molteplici funzioni che vanno oltre la mera produzione. Questa razza sta alla base di un sistema di allevamento in cui l'uomo, il bovino, l'ambiente e il prodotto sono inscindibilmente legati tra di loro..

MARMITTE DEI GIGANTI

Oggi 1 aprile 2004,di ritorno dal nuovo supermercato di Rovereto, il Millenium, che secondo le aspettative di tutti dovrebbe dare una  brusca frenata all'aumento dei prezzi dei generi alimentari in costante e inesorabile ascesa negli ultimi due anni. La giornata è soleggiata e noi non abbiamo fretta di rientrare a casa. approfittando dell'ora legale e del fatto che le giornate si sono allungate, decidiamo di fare una visita alle Marmitte dei Giganti

VIN ART 2004

Liberare i sensi fra divini riflessi, il Trentino, terra di vini raffinati e di carattere, per il secondo anno si fa culla e teatro della manifestazione enoica  per eccellenza: VinArt, la kermesse artistica che per tre fine settimana consecutivi ( dal 21 maggio al 6 giugno ) costruisce intorno al vino un mondo magico, fatto di concerti, arte e performances.

 

INTERPRETAZIONI ALLEGORICHE

Alcuni giorni passeggiando in Piazza Duomo quì a Trento non riesco a distogliere lo sguardo dal palazzo di destra, mirabilmente inquadrato alla base da un robusto fregio e finti castoni marmorei in alto, sotto la grondaia, da beati personaggi in atto di affacciarsi e trofei alternati a medaglioni; ai lati, da due lasene color rosa carico.

 

 

La Basilica dei Santi Martiri anauniensi

Ritornando indietro sulla strada principale ci indirizziamo verso le case di Banco. Sulla chiesetta gotica di Sant'Antonio Abate vi è rimasto ancora qualche affresco. Da banco si può raggiungere il lago attraverso una strada oramai mozza che una volta congiungeva Banco a Revò - i resti di questa « strada dei regai » affiorano ancora a livelli di minima del lago.

IL Museo Retico

Ma Sanzeno è «venerabile» anche per gli archeologi! Qui infatti, sin dalla metà del secolo scorso, scavi sistematici portarono alla luce una tale mole di reperti come in pochi altri siti dell'arco alpino. Inizialmente una grande quantità di oggetti in bronzo e in ferro, da suppellettili di uso casalingo a statuette artistiche vennero venduti dai contadini agli antiquari di Bolzano

 

ARCHEOLOGIA  IN VALLE DI NON 

Nel corso degli anni, grazie all'intensificarsi degli scavi e delle ricerche, la Valle di Non ha assunto un ruolo di primo piano nel panorama archeologico trentino e di tutto l'arco alpino. Qui infatti sono stati condotti alcuni degli scavi più ampi e fruttuosi che hanno interessato la regione e da qui provengono materiali e dati scientifici di primaria importanza per chi si interessa di preistoria alpina.

Stenico, la chiesa di San Vigilio

Usciti dal castello di Stenico ci dirigiamo verso la piazza principale del paese e la nostra attenzione viene attratta da una bellissima fontana che campeggia nella piazza davanti all'ingresso dell'ufficio postale. E' una classica fontana alpina con davanti un grosso lavatoio. Facciamo un altro chilometro e ci troviamo nei pressi di un'altra fontana, una grossa palla di granito su cui scorre un'acqua fresca e cristallina.

 

       ENIO HOME PAGE      Hit Counter

INDEX  2005 2004 INDEX  2  2004 INDEX  3  INDEX  2003 INDEX 2002